Economia e nuove tecnologie (attivato nell'a.a. 2005/2006 e disattivato nell'a.a. 2010/2011)

Economia e nuove tecnologie (attivato nell'a.a. 2005/2006 e disattivato nell'a.a. 2010/2011)

Economia e nuove tecnologie  (attivato nell'a.a. 2005/2006 e disattivato nell'a.a. 2010/2011)

Il Corso di laurea specialistica in Economia e nuove tecnologie appartiene alla Classe 64/S - Classe delle lauree specialistiche in Scienze dell’economia.

Obiettivi formativi Il Corso di laurea specialistica in Economia e nuove tecnologie intende fornire le conoscenze economiche, statistico-matematiche, informatiche e giuridiche, teoriche ed operative, indispensabili per svolgere con efficacia una pluralità di ruoli ad elevata professionalità, nell’ambito di organizzazioni pubbliche e private, a contatto con mercati sempre più complessi e integrati. Il Corso di laurea specialistica è strutturato in maniera tale da assicurare ai propri laureati la piena padronanza di un nucleo di metodi e modelli economici e statistico-matematici necessari per sviluppare analisi rigorose tanto a livello microeconomico che macroeconomico, acquisire familiarità con le più avanzate tecniche di scelta razionale e di supporto alle decisioni, gestire attraverso l’informatica il crescente volume di informazioni utilizzabili per la conoscenza dei mercati e per il miglioramento della performance degli attori economici. Il Corso di laurea specialistica, nella sua particolare articolazione, consente inoltre ai laureati di acquisire piena conoscenza degli strumenti di analisi degli aspetti finanziari (scenari macroeconomici, politiche pubbliche, intermediari e istituzioni finanziarie) e/o reali (commercio, concorrenza, attività di innovazione) dei mercati contemporanei, con un’attenzione particolare alle implicazioni, tanto per i comportamenti individuali quanto per le strategie aziendali e le politiche pubbliche, dei processi di integrazione internazionale e di sviluppo delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione.

Sbocchi occupazionali Gli sbocchi professionali cui può dare accesso il corso di laurea in Economia e Nuove Tecnologie riguardano tanto l’ambito privato quanto quello pubblico, con un profilo, a seconda del percorso prescelto, rivolto prevalentemente agli aspetti finanziari oppure reali dell’economia. In entrambi i casi i laureati possiedono un’approfondita conoscenza degli strumenti più avanzati dell’analisi economica e dei metodi quantitativi necessari per svolgere analisi di mercato, valutare la congiuntura economica generale o l’andamento di particolari settori, studiare l’impatto delle politiche pubbliche, definire e valutare strategie di intervento a livello di azienda o di istituzioni pubbliche.

Fra i possibili percorsi dischiusi dal corso di laurea si segnalano quelli di

- economista presso gli uffici ricerca di istituzioni finanziarie, nazionali e internazionali, centri di ricerca pubblici e privati, istituti di statistica e banche centrali;

- analista presso banche, società di gestione del risparmio, intermediari mobiliari, compagnie di assicurazione;

- consulente e/o responsabile di agenzie per lo sviluppo economico locale;

- esperto nella comunicazione in ambito economico;

- consulente presso società di servizi professionali e di software orientate verso l’ambiente finanziario;

- docente ed esperto di formazione in ambito economico.

Organizzazione e durata del Corso di laurea Le conoscenze richieste per l’accesso e, ove necessario, le modalità di verifica sono demandate al Regolamento didattico del Corso di laurea specialistica. Il Corso di laurea specialistica ha durata normale biennale. Quando necessario la struttura didattica potrà provvedere all’adeguamento delle attività formative in conformità agli obiettivi del Corso di laurea specialistica. Il Corso di laurea specialistica prevede nelle fasi più avanzate del percorso formativo un’articolazione in due curricula differenziati, comprendenti insegnamenti e altre attività formative orientate all’apprendimento di competenze e capacità operative in specifici settori applicativi e così, in particolare, nell’ambito dei mercati finanziari e nell’ambito dei mercati reali.

Potranno essere proposti anche curricula in collaborazione con altre Facoltà o con altre Università mediante apposite convenzioni. La quantità media di lavoro di apprendimento svolto in un anno da uno studente impegnato a tempo pieno negli studi universitari e in possesso di adeguata preparazione iniziale è di norma fissata in 60 crediti formativi universitari (cfu). Almeno il 60% dell’impegno annuo complessivo deve essere riservato allo studio personale e alle attività formative di tipo individuale.

Prova finale La prova finale per il conseguimento del titolo di studio consiste nella discussione orale di una tesi di laurea di tipo tradizionale, frutto dell’attività di ricerca teorica o sperimentale svolta dallo studente.

Piano degli studi

settori insegnamenti del I anno crediti
IUS/04 Diritto dei mercati e degli interm. finanz. 10
SECS-P/01 Economia degli investimenti 10
SECS-P/01 Microeconomia (corso avanzato) (I sem.) 10
SECS-P/01 Macroeconomia (corso avanzato) (II sem.) 10
SECS-S/06 Metodi matematici per l’economia 10

ING-INF/05

Basi di dati

5

SECS-P/05

Econometria

5

 

Totale 7 insegnamenti

60

 

 

settori insegnamenti del II anno crediti
     
Curriculum Mercati finanziari  
SECS-P/09 Teoria della finanza e finanza aziendale 10
IUS/04 Diritto bancario 5
SECS-P/01 Economia monetaria internazionale 5
SECS-S/06 Scelte di portafoglio 5
     
Curriculum Mercati reali  
ING-INF/05 Sistemi informatici di rete 5
IUS/04 Diritto delle contrattazioni telematiche 5
SECS-P/01 Economia dell’innovazione 5
SECS-P/06 Economia applicata 5
SECS-P/13 Teconologia e qual. dei processi produttivi 5
     
  Insegnamenti liberi (2 da 5 cfu) 10
  Prova finale 25
     

 

Totale 6 insegnamenti

60

 

Totale 14 insegnamenti

120